Testimonial campagna Greenpeace Italia

Una telefonata per salvare l’ambiente, gli artisti chiamano Mario Draghi

In occasione della Giornata della Terra, Greenpeace Italia lancia il video “Una telefonata a Mario Draghi” in cui i protagonisti fingono di stare al telefono con il presidente del Consiglio, ricordandogli che il Recovery Plan è l’occasione per ridisegnare il futuro del nostro Paese e uscire dall’emergenza climatica.

Greenpeace chiede al governo azioni concrete per il pianeta con la campagna ‘Pronto Mario, ci senti?’.
Un video con protagonisti 12 artisti, uniti per lanciare un messaggio a favore dell’ambiente.

Il filmato, diretto dalla regista Chiara Agnello, ha visto la partecipazione di Daniele Silvestri, Margherita Vicario, Max Gazzè e Roberto Angelini, Frankie hi-nrg, Geppi Cucciari e giovani attori come Elvira Camarrone e Christian Roberto, lo youtuber FaviJ . Tra gli altri Claudio Santamaria, Alessandro Gassman e Claudio Gioè.

Il Recovery è l’occasione per ridisegnare il futuro del nostro Paese e fermare l’emergenza climatica.

Greenpeace ha sintetizzato in “Next generation in dieci passi” le proprie richieste. L’Italia deve liberarsi progressivamente da fonti inquinanti come i combustibili fossili e invece munirsi di una filiera di rinnovabili e accumuli sui quali innestare la rivoluzione energetica.

Ciò faciliterebbe anche la trasformazione della mobilità, rendendo sostenibile il modo in cui ci spostiamo, con un PNRR che deve mettere al centro le nostre città. Rispetto alla produzione di cibo, è urgente indirizzare i finanziamenti alle aziende agricole che producono in modo ecologico, sostenendo le piccole realtà in crisi, e smettendo di finanziare gli allevamenti intensivi, che hanno un elevato impatto ambientale.

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Altre storie
Olive: Monini ridurrà le emissioni sui suoi prodotti più venduti
Carbon neutrality: Monini compenserà le emissioni dei suoi olii più venduti