Il corridoio e le celle di San Vittore
Corridoio e celle di San Vittore

Visitare il quartiere ‘nascosto’: le voci e i volti di San Vittore in mostra all’Umanitaria di Milano

Un progetto, ora mostra, nato per incontrare e ascoltare le storie delle persone che abitano San Vittore: è ‘Il carcere: quartiere della città’.

È un quartiere particolare quello della Casa circondariale di Milano, in cui ogni giorno entrano persone che lo frequentano per lavoro o per passione civile e spirituale, per poche o per tante ore.

Biografi formati alla LUA – Libera Università dell’Autobiografia e coordinati da Laura Gaggini ha raccolto più di cinquanta interviste che sono state registrate, sbobinate e successivamente sottoposte ai protagonisti per eventuali correzioni.

Queste storie di vita fanno da cornice a una mostra fotografica realizzata da Margherita Lazzati, che ha raccolto immagini dei luoghi del carcere di San Vittore.

La mostra è visitabile nel Chiostro dei Glicini, presso la Società Umanitaria con ingresso da via San Barnaba 48, fino a sabato 10 luglio 2021 dalle 8.30-20.00.

A promuovere il progetto, l’associazione “Verso Itaca APS” insieme alla “Casa Circondariale San Vittore” con il sostegno per due annualità di Fondazione Cariplo.

“Il filo che tiene insieme questo progetto è l’idea che davvero il carcere sia un quartiere della città dove uomini e donne si sono trovati a vivere gli uni accanto agli altri per passione, per scelta, per errore o per imprevedibili circostanze della vita – spiega Carla Chiappini, Verso Itaca APS – . E l’obiettivo è quello di collocare questo quartiere ricco di umanità nel cuore della città esterna”.

In questo senso, “nel carcere di San Vittore, con l’autorizzazione del Direttore Giacinto Siciliano e il costante accompagnamento della Dottoressa Elisabetta Palù, ho fotografato celle, gallerie, cortili, mura e orizzonti ristretti – racconta Margherita Lazzati -. Al centro della città, luoghi che alla città sono inconsapevolmente sconosciuti”.

Chi non si vede è al centro

“A differenza delle fotografie che ho presentato fino a oggi, qui non si vedono quasi mai persone – chiude la fotografa -. È una mostra che inevitabilmente parla degli spazi fisici, obbligati, che le persone vivono. Detenuti, polizia penitenziaria, operatori, volontari… non compaiono, ma sono i veri protagonisti di questi luoghi”.

Alla realizzazione hanno collaborato: AUSER, Centro Nazionale di Ricerche e Studi Autobiografici Athe Gracci, Progetto Ekotonos, Quartieri Tranquilli e il patrocinio della Camera Penale di Milano. La mostra è curata dalla Galleria l’Affiche di Milano.

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Altre storie
Il primo visual della campagna dell'Acquedotto Pugliese
Le persone al centro della campagna di Acquedotto Pugliese